La Vita di Celestino V
Home | Invia Foto | Contatti | Credits
english
NewsLinksEventiPartners
OspitalitàParchiItinerariCittà e PaesiCastelliChiese medievaliEremiArtigianatoGastronomiaNotizie ed Eventi
 Home » Eremi » La Vita di Celestino V
S. Bartolomeo in Legio
(Roccamorice)
S. Giovanni all'Orfento
(Caramanico)
Sant'Onofrio al Morrone
(Sulmona)
Santo Spirito a Maiella
(Roccamorice)
Celestino V

 La Vita di Celestino V


Pietro da Morrone nacque in provincia di Isernia nel 1215 da Angelerio e Maria.

Dopo un breve periodo trascorso nel monastero di Santa Maria in Faifoli, Pietro fugge alla ricerca della solitudine estrema e si ritira, per tre anni (1235-1238), in una caverna vicino Palena, sul sito dove sorgerà il santuario di S. Maria dell’Altare.
Da qui, nel 1238, si reca a Roma dove studia e consegue i voti .
Lascia Roma nel 1241 e si ritira alle pendici del Morrone in una grotta vicino ad una chiesetta dedicata alla Madonna. In questo luogo la sua santità richiamò molti discepoli, desiderosi di condividere con lui la vita eremitica.

Ma nel 1246 Pietro decise di spostarsi in un luogo più appartato e si diresse sulla Maiella dove cominciò a dimorare nell’eremo di Santo Spirito, vicino Roccamorice. In quest’eremo vi restò, tranne alcuni periodi, circa 50 anni.

Nel 1264, poiché la Comunità dei Fratelli di Santo Spirito a Maiella diventava sempre più grande, Pietro decise di darle una Regola, chiedendone l’approvazione.
Nel 1273, ormai sessantenne, per sostenere la causa della sua Congregazione che rischiava di essere soppressa, si recò a piedi in pieno inverno a Lione dove si trovava il Papa, e l’impresa fu coronata da successo.

Nel giugno del 1293 comunica la sua irrevocabile decisione di ritirarsi sul Morrone e va a vivere all’eremo di S. Onofrio, dove il 17 luglio 1294 lo raggiunge la notizia del suo pontificato.
Erano ormai 27 mesi che era morto Papa Niccolò IV e gli undici cardinali non riuscivano a trovare un accordo. Il re Carlo II d’Angiò, il quale aveva bisogno di un papa che ratificasse l’accordo con gli aragonesi per la restituzione della Sicilia, convinse Pietro da Morrone a scrivere ai cardinali per sollecitare l’elezione del pontefice. Ma i cardinali individuarono proprio nell’eremita l’agnello sacrificale in uno dei periodi più controversi della Chiesa.
Pietro ricevette la notizia il 17 luglio, ma l’elezione era avvenuta il 5 luglio.

Il 29 Agosto 1294, all’età di 79 anni, fu incoronato papa a L’Aquila con il nome di Celestino V.
Lasciata L’Aquila fu costretto a seguire il re a Napoli, dove visse più da eremita che da papa, fino a quando, lontano dalle lusinghe del potere, il 13 dicembre dello stesso anno, fa rinuncia al papato e riveste il saio da eremita.

Il 24 dicembre 1294 viene eletto papa Bonifacio VIII .
Celestino raggiunge il Morrone ma deve fuggire perché braccato da Bonifacio VIII il quale teme uno scisma; viene però catturato e portato nella rocca di Fumone, dove il vecchio eremita si spense il 19 maggio 1296.

14/04/2009


  Home | Invia Foto | Contatti | Credits
© 2004-2005 - Grafica e contenuti sono proprietà di Abruzzo Verde Blu - Credits: