Castello di Roccascalegna
Home | Invia Foto | Contatti | Credits
english
NewsLinksEventiPartners
OspitalitàParchiItinerariCittà e PaesiCastelliChiese medievaliEremiArtigianatoGastronomiaNotizie ed Eventi
 Home » Castelli » Castello di Roccascalegna
L'Aquila
Castello di Celano
(Celano)
Castello di Rocca Calascio
(Calascio)
Castello di Ocre
(Ocre)
Castello de L'Aquila
(L'Aquila)
Chieti
Castello di Crecchio
(Crecchio)
Castello di Roccascalegna
(Roccascalegna)
Pescara
Castello di Salle
(Salle)
Teramo
La Fortezza di Civitella
(Civitella del tronto)

 Castello di Roccascalegna


Uno dei più suggestivi castelli dell’Abruzzo si trova su uno sperone roccioso che domina l’abitato di Roccascalegna e il vallone del Rio Secco.
L’origine del castello è molto probabilmente legata ai longobardi che intorno al V - VI secolo fortificano la rocca, ma le prime notizie scritte dell’esistenza del feudo di Roccascalegna risalgono al 1058 nel “Catalogus Baronum” .

Nel primo decennio dell’anno 1000, il territorio di Roccascalegna è aggregato alla contea di Manoppello. Più tardi la fortezza appartenne agli Annechino (circa 1450-1530) ai Caraffa (1531-1600), ai De Corvis (1600-1717) ai Nanni e infine ai Nanni-Croce che mantennero il castello dal 1806 fino al 1980, quando lo donarono al comune.

Una leggenda narra che lo “ius primae noctis” , il diritto della prima notte, sia nato proprio a Roccascalegna per volere del barone Corvo De Corvis nel 1646; la tradizione narra che il barone sia stato pugnalato proprio da una giovane che non voleva sottostare a questa regola.

Il castello è stato nei secoli rimaneggiato e restaurato; oggi presenta delle torrette semicircolari e una torre quadrata nota come torre “Normanna” racchiuse entro un recinto fortificato. All’interno si trovavano la postazione di guardia, gli alloggiamenti, il magazzino, una cappella e l’abitazione del feudatario.
Per ulteriori informazioni e orari delle visite al castello www.castellodiroccascalegna.it

09/08/2012


  Home | Invia Foto | Contatti | Credits
© 2004-2005 - Grafica e contenuti sono proprietà di Abruzzo Verde Blu - Credits: