San Liberatore a Maiella (Serramonacesca)
Home | Invia Foto | Contatti | Credits
english
NewsLinksEventiPartners
OspitalitàParchiItinerariCittà e PaesiCastelliChiese medievaliEremiArtigianatoGastronomiaNotizie ed Eventi
 Home » Chiese medievali » San Liberatore a Maiella (Serramonacesca)
L'Aquila
Santa Lucia
(Rocca di Cambio)
S. Maria ad Cryptas
(Fossa)
S. Maria Assunta
(Caporciano)
S. Maria valle Porclaneta
(Magliano de' Marsi)
S. Pelino
(Corfinio)
San Pellegrino
(Caporciano)
S. Pietro
(Massa d'Albe)
S. Pietro Oratorium
(Capestrano)
Chieti
S. Giovanni in Venere
(Fossacesia)
Pescara
S. Bartolomeo
(Carpineto)
S. Clemente a Casauria
(Castiglione a Casauria)
S. Liberatore a Maiella
(Serramonacesca)
S. Maria D'Arabona
(Manoppello)
S. Maria del Lago
(Moscufo)
S. Maria in Piano
(Loreto Aprutino)
S. Maria Maggiore
(Pianella)
S. Tommaso
(Caramanico)
Teramo
S. Clemente al Vomano
(Notaresco)
S. Giovanni ad Insulam
(Isola del Gran Sasso)
S. Maria Assunta
(Atri)
S. Maria a Vico
(Sant'Omero)
S. Maria di Propezzano
(Morro D'Oro)
S. Maria di Ronzano
(Castel Castagna)
S. Pietro a Campli
(Campli)

 San Liberatore a Maiella (Serramonacesca)


Una delle più antiche chiese medioevali dell’ordine benedettino cassinese, fu fondata secondo la leggenda da Carlo Magno nel 781, ma è solo nel 884 che viene menzionata all’interno di un inventario di tutti i beni benedettini. Distrutta dal terremoto del 990, fu ricostruita nel 1007 dal monaco Teobaldo arrivato appositamente da Montecassino.
L’attuale struttura della badia è dovuta in parte alla ricostruzione voluta da Desiderio, abate di Montecassino nel 1080, che vi portò numerose maestranze.
 
A partire dal XIV sec. iniziò un progressivo decadimento che culminò nel 1806 con la soppressione degli ordini monastici.
Situata ai piedi della Maiella, la badia è immersa in uno scenario ricco di boschi e acque. La facciata ha uno schema che rispecchia la tripartizione interna. Divisa in due ordini , presenta nella parte superiore tre monofore semplici e in quella inferiore tre portali, caratteristici del romanico abruzzese.
 
L’interno è a tre navate divise da sette arcate per lato. Gli affreschi si dividono in quelli più recenti (1500), ora staccati e posti su pannelli, che rappresentano il monaco Teobaldo che offre la chiesa e quelli più antichi rimasti in loco sulla parete dell’abside centrale e risalenti alla seconda metà del XIII sec.
Sul pavimento della navata centrale è stato rimontato il mosaico originario cosmatesco risalente al 1275.
Per informazioni e contatti visitate il sito  www.ostellosanliberatore.com   
.
29/09/2012


  Home | Invia Foto | Contatti | Credits
© 2004-2005 - Grafica e contenuti sono proprietà di Abruzzo Verde Blu - Credits: