Alba Fucens (Massa d'Albe)
Home | Invia Foto | Contatti | Credits
english
NewsLinksEventiPartners
OspitalitàParchiItinerariCittà e PaesiCastelliChiese medievaliEremiArtigianatoGastronomiaNotizie ed Eventi
 Home » Itinerari » Alba Fucens (Massa d'Albe)
L'Aquila
Alba Fucens
(Massa d'Albe)
La Cascata di Zompo lo Schioppo
(Morino)
Grotta di Stiffe
(San Demetrio ne' Vestini)
Lago di Campotosto
(Campotosto)
Ocre
(Ocre)
Le Pagliare
(Tione degli Abruzzi)
Scanno e il lago
(Scanno)
Chieti
Abetina di Rosello e Cascata del Rio Verde
(Borrello)
Grotta del Cavallone
(Lama dei Peligni)
Pescara
I Luchi
(Caramanico)
Lago di Penne
(Penne)
I Tholos
(Roccamorice)
Teramo
Il paese di Castelli
(Castelli)
La Fortezza di Civitella
(Civitella del tronto)

 Alba Fucens (Massa d'Albe)


La storia di Alba Fucens inizia nel 303 a.C. quando, dopo lo sterminio degli Equi, vi fu impiantata una colonia latina.
Il nome deriva da “Alba” che vuol dire altura e “Fucens”  indica la vicinanza al lago del Fucino, distante allora circa 3 kilometri.
Attualmente Alba Fucens si trova all'interno del Parco Regionale del Velino Sirente

Il territorio di Alba Fucens ebbe grande importanza strategica per i Romani e fu percorsa da importanti vie quali la via Valeria e il proseguimento della via Tiburtina.
Questa colonia, eletta successivamente a municipio, ebbe tra il II e il I secolo a.C. una certa importanza; in questo periodo si datano gli edifici civili come la basilica, il teatro e il “macellum”, ma anche edifici religiosi come il santuario di Ercole. Dell’età imperiale sono invece l’anfiteatro e i portici della “via dei Pilastri”.

Tra i resti archeologici riveste una certa importanza il santuario di Ercole, una grande area rettangolare, forse utilizzata anche come mercato degli ovini, al cui interno era collocata una grandiosa statua di Ercole, oggi conservata al Museo Archeologico di Chieti.
Nelle vicinanze si trova la chiesa medievale di San Pietro.
07/02/2013


  Home | Invia Foto | Contatti | Credits
© 2004-2005 - Grafica e contenuti sono proprietà di Abruzzo Verde Blu - Credits: